home
 

[11] Pala Barbadori
Madonna col Bambino, angeli e santi (San Frediano e Sant'Agostino)
Parigi, Louvre (dopo il 1815)
Tempera su tavola, cm 208x244




Predella con tre scene: San Frediano devia il corso del Serchio; Annunciazione della morte della Vergine e arrivo degli Apostoli; Apparizione dello Spirito Santo a Sant'Agostino
Firenze, Galleria degli Uffizi (dal 1919)
Tempera su tavola, cm 40x235,5


L'origine di questa Pala, capolavoro della prima maturità del Lippi, risale al lascito che Gherado di Bartolomeo Barbadori, morto senza figli nel 1429, fece ai Capitani di Orsanmichele perché edificassero in Santo Spirito una cappella dedicata a San Frediano, patrono del quartiere. La cappella venne costruita nella sacrestia della chiesa e si decise (7 luglio 1433) di collocarvi una pala che si integrasse nel contesto brunelleschiano. Non sappiamo quando l'opera fu commissionata al Lippi ma alcuni documenti indicano l'elaborazione in atto nel 1437 e una lettera di Domenico Veneziano a Piero de' Medici del 1 aprile 1438 dichiara la pala non ancora finita. Esposta fino al 1810 in Santo Spirito all'ammirazione generale, la pala fu asportata in quell'anno dai francesi dell'esercito napoleonico e smembrata.
La tradizionale raffigurazione della Madonna in Maestà è qui rivoluzionata dal Lippi attraverso il movimento (a partire dal rapporto fra la Madre e il Bambino), la caratterizzazione somatica dei personaggi, la sostituzione del fondo oro con un recinto architettonico che si apre su una finestra che guarda un paesaggio collinare. L'angelo che si tira su la veste riporta ancora alla scultura: a Nanni di Banco e ai Quattro Santi Coronati di Orsanmichele. A sinistra, dietro la balaustra, comparirebbe un autoritratto del pittore. Nella predella, con figure di grande evidenza plastica e costumi classicheggianti, si rilevano innovazioni iconografiche che vogliono armonizzare il racconto con la tradizione agostiniana dei monaci di Santo Spirito. Nell'esecuzione alcuni critici riconoscono una collaborazione da parte del Pesellino (Berenson, 1932).







  La vita di Filippo Lippi
Lucrezia Buti
L'arte di Filippo Lippi
Archivio opere
La fortuna critica
Bibliografia